A taste of Vietnam

Sono mesi lunghi, faticosi e difficili per la Tante C. Si nota anche dal blog, ha poco tempo da dedicare alle avventure gourmand e alla cucina spensierata.

Questo post è per dirti, cara Tante, di resistere! Resisti, perchè tra tre mesi ti aspetta un viaggio indimenticabile, dei paesaggi fantastici, delle persone favolose…e più di tutto il cibo migliore che esista al mondo!!!

DSC_1735

Ben Thanh Market

Ho viaggiato percorrendo da Nord a Sud il Vietnam a settembre dell’anno scorso. Ormai esperta dell’Indocina, ho scoperto un paese totalmente diverso e fuori dalle mie aspettative. E’ stato un colpo di fulmine, lo confesso. Mi è bastata la prima serata ad Hanoi, ospite in una micro camera pulitissima nel cortile interno di un vero Cinema d’Essaie, tra le piante e i vasi pieni di fiori…passeggiare lungo il lago Hoan Kiem, quello solcato dall’incredibile ponte di legno di lacca rossa, passando di fianco a milioni di persone intente a correre, passeggiare e fare tai chi…mi è bastato perdermi tra le viuzze inestricabili del Quartire Vecchio, trovare uno sgabello sul marciapiede e sedermi a bere la Bia Hoi alla spina. In mezzo al caldo umido, al frastuono dei motorini che circolano come sciami d’api impazzite, il suono perenne dei clacsom, le bibiclette cariche come dei camion a rimorchio. Il cibo da strada: è passato un anno ma mi emoziona oggi come allora…non riuscivo a venir via, continuavo a girare, la macchina fotografica restava nello zaino, ero come in trance e non riuscivo a fare null’altro che sorridere a labbra chiuse, sorridere con gli occhi, sentirmi finalmente felice.

DSC_2056

Street food

Tante C. , so che scriverai di ogni pietanza e di ogni esperienza che farai, a breve.

DSC_2157

Saigon, Cholon

Io non sono riuscita a farlo, dopo tanti mesi vedere questo video mi ha comunque dato un colpo al cuore. Il mio è stato un viaggio indimenticabile, ma purtroppo (come sempre accade nella vita), a dirca due terzi del percorso, la mia reflex ha subìto un danno ed ho perso TUTTE le fotografie fatte fino a quel momento. Erano 1600. C’era Hanoi, la Baia di Halong vista dall’ Isola di Cat Ba: il luogo più bello di tutta la mia vita; c’erano i viaggi in treno, in bus, le cene, pranzi e colazioni; c’era Hue e l’indimenticabile Hoi An; i loro mercati, i fiumi, le persone che con tanta fatica avevo fotografato dopo lunghi appostamenti con l’obiettivo 55-200 mm. Da Nha Trang in poi ho acquistato una nuova memory card, ed oggi ho le foto degli ultimi giorni di viaggio. Mui Ne, Saigon e il Delta del Mekong. Sono poche e scattate con amarezza, sapendo di avere perso il meglio, sapendo che avrei faticato a ricordare tutto quello splendore, un giorno.

DSC_1688

Mui Ne

Il mio Vietnam è tutto dentro il mio cuore, e spero presto anche dentro la mia realtà.

DSC_1779

Origami

Un augurio alla mia compagna, anche se non è mai stata compagna di viaggi: viviti in fondo quella terra, è uno dei posti più sinceri e meravigliosi del nostro pianeta.

La Tante A. innamorata

DSC_2189

Saigon from Sheraton sky bar

Ho trovato il video su questo sito stupendo, si chiama The perennial Plate: un progetto come si deve di due giovani. Seguiteli sono mitici.

Annunci

2 risposte a “A taste of Vietnam

  1. Grazie Tante.
    Un post meraviglioso.
    E che voglia di partire!
    I ricordi più belli sono quelli che abbiamo nel cuore e sono i più segreti, quelli che nessuno può violare, sono momenti tuoi che rimarranno tuoi.
    Aspetto gli indirizzi dei ristoranti…
    Perché si sa che Les Tantes sono complementari!
    La Tante C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...