Piemonte loves Sicilia

Due Regioni italiane: tanto lontane e diverse, quanto accomunate da diversi profili.

Un vino a disposizione: il Moscato d’Asti.

Un piccolo contest, dove creare una ricetta sfiziosa ed un buon abbinamento.

Les Tantes, come sempre gourmandes, tornano all’opera!

L’Enoteca Regionale “Colline del Moscato” ha indetto una piccola gara ( in collaborazione con  Anna Bugané, Alessandra Giovanile e Valeria Saracco) intitolata “Moscato d’Asti, il Re Dolce”. Prendo subito contatto con le blogger che si rivelano disponibili e molto gentili…nel giro di pochi giorni la bottiglia mi arriva comodamente a casa e si può finalmente iniziare a pensare alla ricetta!

(…intanto il Moscato riposa in frigo, pronto per essere assaggiato…)

banner_OBBLIGATORIO 2

Il Re Dolce

Ma prima di tutto: cos’è il Moscato?

E’ un tipo di una bianca, presente nel solo Piemonte, molto aromatica e fruttata, che produce un vino da dessert, dolce, da bere giovane, di bassa gradazione alcolica. Se volete saperne di più sulla sua storia trovate i dettagli sul bel sito dell’Enoteca.

2013-06-19 17.49.48

Cosa si inventeranno Les Tantes?

L’estate intanto avanza, la calura non tarda ad arrivare e in cucina si ha voglia di piatti freschi, semplici, non eccessivamente calorici.

Ed è così che il Piemonte decide di incontrare la Sicilia…un gioco di ingredienti che si intrecciano, si sostituiscono, si chiamano e richiamano, si evocano: la frutta secca  (pistacchi e mandorle) e la natura del dolce, tipiche della Sicilia ed il cioccolato, la ricotta e ovviamente il Moscato del nostro Piemonte.

La cassata piemontèisa

Le varianti alla pasta base della cassata possono essere le più svariate: noi abbiamo optato per una Dacquoise, una preparazione leggera e soffice, composta normalmente da una parte di farina di mandorle. Seguendo la ricetta di Montersino, con qualche piccolo cambiamento.

Queste le dosi ( per una decina di cassatine):

Dacquoise

200 gr. di albumi

100 gr. di zucchero bianco

140 gr. di mandorle (da rendere farina)

50 gr di pistacchi (da rendere farina) + 100 gr. per la decorazione

50 gr. di farina 00

140 gr. di zucchero al velo

DSC_2500

Bianca

del colorante alimentare in polvere (se volete provare la variante colorata)

DSC_2506

Verde

Scaldate gli albumi e lo zucchero bianco in un pentolino, mescolando con una frusta finchè il composto non sia tiepido; togliere dal fuoco e montare a neve. A parte tritate mandorle e pistacchi finchè non diventino farina e mischiate con lo zucchero a velo, facendo attenzione che non ci siano grumi. Unite il composto agli albumi, mischiando dal basso verso l’alto. Rivestite una teglia con la carta da forno, e utilizzando una sac à poche formate delle spirali della grandezza desiderata. Infornate a 180° per 15/20 minuti. Fate raffreddare molto bene (ancora meglio se preparate le basi la sera per il giorno seguente).

La crema

Ecco che arriva il Piemonte: utilizziamo un prodotto davvero speciale del nostro territorio ovvero il Seirass di latte misto, la ricotta tipica piemontese dalla consistenza ed il sapore veramente eccezionali. Ce ne servirà quasi un chilo (vi assicuro che non ne avanzerete).

Tre cucchiai di zucchero sono sufficienti per il nostro gusto, ma è sempre meglio assaggiare.

Gocce di cioccolato di Piemont in abbondanza.

Il Moscato

Geleé fatta con tre calici di vino e due cucchiani di agar agar, portando a bollore in un pentolino e avendo cura di mischiare con una frusta. Il vino lo useremo anche da accompagnamento al dolce.

DSC_2510

L’assemblaggio

Due alternative: con un coppapasta potete usare un disco di dacquoise come base, poi riempite di abbondante ricotta, ancora un disco, un velo di crema e ancora a caldo si versa con delicatezza il liquido che poi diventerà la geleé. Frigorifero per una paio d’ore.

Altrimenti componete il tutto in un bicchiere  o in un calice di vino…sperimentate! Prima di servire ricordatevi di cospargere il dolce da croccanti e colorati pistacchi.

DSC_2516

Colori d’estate

L’abbinamento è perfetto, i gusti si esaltano e non si coprono, un pieno di freschezza per una calda domenica estiva.

Ecco invece la versione “en verre”, molto divertente la trasparenza che viene a creare ed il gioco di bolle e di vivacità del Moscato…una bella illusione!

DSC_2531

Che schiuma!

Un’ottima ispirazione questo Moscato…

DSC_2530

Tutto pronto

Les Tantes amano l’Italia, dal Nord al Sud!

Enoteca Regionale Colline del Moscato, P.zza XX Settembre, Mango (CN)

Piemont cioccolato Via Gran Paradiso, 16/23 Torino

El Canton Dij Formagg, Corso Casale 314 bis Torino

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...