Toujours Trastevere

Roma ad ottobre.
Cielo azzurro e il sole che scalda ancora… in una città che sorprende a ogni passo, in ogni strada, in ogni piazza, in ogni ponte.
E Trastevere è un susseguirsi di ristoranti, bar, ma anche negozietti e piccole boutique tra cui passeggiare… fino in piazza Santa Maria in Trastevere, dove fermarsi e respirare.

Ma non è tutto oro quello che luccica e il rischio di incombere in ristoranti scadenti e acchiappa turisti purtroppo esiste.
Di ritorno dalla mia incursione gourmand in capitale vi consiglio di provare Enoteca Ferrara, in piazza Trilussa e Osteria La Gensola, in piazza della Gensola.
Due locali completamente diversi, ma accomunati dalla buona cucina, dal buon vino e dal ricordo di belle serate.

image

All’Enoteca Ferrara si può andare in qualsiasi momento della giornata: per un piatto e un calice di vino all’ora di pranzo

image

Tonnarelli cacio e pepe

per un aperitivo con stuzzichini intriganti (ottimi gli aliciotti caldi, come ne vorrei uno ora…), per una cena gourmet, per una buona bottiglia da sorseggiare dopo cena.

image

Panzanella con alici marinate

Professionali, amanti del vino e della buona cucina, innamorati delle loro bottiglie.

image

Qui ho scoperto il Luna Mater – Frascati superiore: uve di vendemmia tardiva, malvasia puntinata, malvasia di Candia, bombino bianco e greco.
Vino dal colore giallo oro, profumi di frutta esotica matura, ananas in particolare, ma anche di mandorla e qualche tono più agrumato. Il sapore è pieno, sapido, con un finale caldo e deciso, oltre che particolarmente lungo.
Una bottiglia che appassiona…

Il secondo motivo per andare a Trastevere è l’Osteria la Gensola: pesce di alta qualità, sapore intenso e atmosfera romana.
La tradizione che si mescola con il pescato del giorno. Ceviche di spigola o moscardini spillo, tartare di tonno o carciofi alla giudia per cominciare.
Rigatoni alla coda alla vaccinara o spaghetti ai ricci di mare, un piatto comunque indimenticabile.
E a seguire  spiedino di alici su letto di cicoria, calamari alla griglia, in alternativa ai saltimbocca.
Ottimi anche i dolci: pasticcio di mele con gelato alla cannella per un finale sublime.
Picol, il sauvignon di Lis Neris, da sorseggiare dall’inizio alla fine.
Colore giallo paglierino, brillante, con leggeri riflessi verdolini. Il profumo intenso… sentori fruttati di cedro, kiwi e frutto della passione con note di fiori di sambuco e un piacevole sottofondo minerale. In bocca è equilibrato, sapido e fresco.

Passo dopo passo… esploro un angolo di questa città infinita…

image

La Tante C. alla fine di un altro viaggio

Advertisements

2 risposte a “Toujours Trastevere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...