Dora

Si chiama Dora: nome proprio,  femminile, singolare. Non è il nome della padrona ( almeno credo), ma il nome di uno dei  tre fiumi che bagnano e rendono magica la mia Torino.
Molti anni fa questa era una zona di industrie, lo si nota dai profili dei palazzi e dalla conformazione degli isolati. Il nuovo polo universitario, che è davvero fighissimo, ha dato nuova vita a questo quartiere,  che già da qualche anno si sta muovendo verso locali innovativi, idee artistiche,  loft e spazi green.
Corso Verona, per intenderci,  è quello che sfocia davanti alla nuova passerella pedonale sulla Dora.
E proprio qui,  a due passi dal fiume, c’è la foccaceria.
Ambiente piccolo ma molto caldo e curato.
Format semplice ma vincente: pizze al taglio e il panino con la vera coppa piacentina.  Stop. Il tutto fatto, lievitato ed impastato qui, utilizzando le fantastiche farine del Mulino Marino e tutto olio evo italiano.

image

Mulino Marino

La pizza è  buona, super saporita e condita,  di quelle soffici e spesse. Ma il panino è il vero must: una sorta di pane arabo super soffice e altrettanto gustoso, farcito da una buona quantità di coppa di ottima qualità.  Tre euro ben spesi.

image

Il panozzo

Stomaco pieno per mezza giornata.  Ci sono bibite in lattina e il caffè con la cialda.

image

Coffee

E alle 18 fanno aperitivo all you can pizza pagando solo il costo della consumazione.  Ottima soluzione per farsi conoscere e per offrire ogni giorno un prodotto assolutamente fresco.
Dora, that’s it!
La Tante A. laureanda

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...