Maldives: I miss you

Sembra ieri il primo giorno al Constance Moofushi e invece… eccomi già sulla banchina ad aspettare l’idrovolante per tornare a casa…
E mentre già la malinconia mi assale, scorgo un cartello all’inizio della passerella per l’imbarco: “Ritorno alla realtà” dice.

image

Mi gela il sangue nelle vene. Rimango a fissarlo… incapace di pronunciar parola.
Moofushi è stato un tuffo in un mare azzurro pieno di pesci e coralli, Moofushi è stato un viaggio gourmet.
Perché al Moofushi c’è tutto: water villa da sogno (le migliori sono quelle dalla 41 alla 45) e una formula all inclusive che comprende frullati di frutta fresca preparati al momento, mojito ghiacciato, Diet Coke dal mini bar, ma soprattutto una cantina di vini di tutto rispetto.
Il resort vanta più di 100 etichette a disposizione dei clienti e comprese nel pacchetto: impossibile provarli tutti, impossibile che piacciano tutti, ma ecco quelli che mi sento di consigliare.
Planeta bianco o rosso: un vino siciliano per chi si accontenta di un prodotto mediocre, senza abbandonare il made in Italy.
Piacevole sorpresa sono stati i vini argentini: Chardonnay e Viogner di Las Moras. Più secco e minerale il primo, più fruttato e semplice il secondo.

image

Dall’Australia il Sauvignon blanc Cricket Pitch: vino minerale e agrumato, simile a un vermentino, perfetto per il sushi e la tartare di tonno di venerdì sera.
Overstone 2013: sauvignon della Nuova Zelanda, è sicuramente il simbolo della vacanza; vino fresco e molto profumato, un bouquet che rapisce, il primo sorso travolge e ammalia.

image

Per i rossi bisogna ritornare in Europa: Languedoc Russillon. La 50/50 di Anne Gross et Jean-Paul Tollot, ma soprattutto Les Creisses 2011: tannini persistenti anche con i piedi nella sabbia, legno e barrique mescolati con il rumore del mare.

image

Impossibile raccontare tutti i piatti assaggiati: pesce e frutti di mare, verdure sempre fresche e leggere, carne gustosa… cucina orientale e internazionale in un connubio perfetto…

image

Ma degni di menzione sono sicuramente la selezione di formaggi francesi, presente a ogni pasto e deliziosamente irrinunciabile e il tripudio di frutta tropicale per colazione, pranzo e cena.

image

Meravigliosa la cena a la carte compresa nel pacchetto: il ristorante Alizee sul lungomare è un’esperienza ndimenticabile.

image

Tartare di pesce e capesante scottate con serrano croccante per cominciare.

image

Poi il re indiscusso della serata: filetto di Angus… perfetto, carne gustosa, tenera, cottura eccellente, una vera meraviglia, degna dei migliori ristoranti delle tantes.
E per dessert mousse di limone e mango, crumble croccante in superficie e gelato a cocco in profondità: tre gusti e tre consistenze in un unico cucchiaino.
Crème brûlée e gelato al frutto della passione su cialda croccante allo zenzero: sono riuscita a gustarne solo un pezzetto.

image

Al Moofushi ti dimentichi del tempo, come delle scarpe… coccolato in un’altra dimensione, la sabbia calda sotto i piedi, la sabbia tiepida alla sera, niente tacchi, niente sandali all’ultima moda… solo l’essenziale, solo il rumore del mare, da ascoltare fin sotto le lenzuola prima di dormire.
Una vacanza da sogno, che vorresti non sentir finire.

La Tante C. con le scarpe nei piedi

Indirizzi utili:
Constance Moofushi resort,  Atollo di Ari Sud.

Advertisements

Una risposta a “Maldives: I miss you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...