Una Tante poco gourmande

Un mese e mezzo di Francia.

Tre settimane di convivenza.

La prima busta paga, la carte bleue, la tessera del supermercato ma ancora niente mutua.

La prima spesa superiore ai 100 euro (un trauma).

Zero bicchieri di vino (meglio degli alcolisti anonimi, mio malgrado). Ma una birretta al giorno, quasi.

Pianti, pianti, qualche risata, felicità quando siamo lui ed io.

Domani arriva Mamma, ho pulito tutta casa e comprato cose buone. E mercoledì sera…A CENA FUORI!!!

wpid-20140406_100709.jpg

Le Lac

Eccomi qui, queste settimane sono state un turbinio di emozioni, corse, incomprensioni, nervosismi, dubbi, paure, dispiaceri…un insieme di sentimenti sempre contrastanti e sempre in evoluzione.

Stasera sul letto, a casa da sola, tranquilla dopo una giornata da vera massaia, ripenso ai giorni passati e non mi sembra ancora vero: vivo qui, anzi, viviamo qui, insieme, nella nostra nuova città.

In questo mese a fare la cuisinière a tempo pieno, il mio spirito gourmand ha subito un grande colpo: nessun momento per cucinare per me, i cibi che amo, nessun luogo ancora dove possa comprare dei prodotti eccellenti, nessuna uscita fuori e ZERO ristoranti provati…depresione da Tante

Il picco della gourmandise è stato toccato la settimana scorsa, quando il mio collega portoghese ha riportato da Lisboa una scatola di pastel de nata, dei dolci della capitale davvero squisiti (….mi ricordo Cri ed io mangiarne due o tre con cupidigia nella meravigliosa pasticceria di Belem…).

In mezzo a tutto questo c’è stato un pic-nic al lago con Marco, baguette, prosciutto cotto e maionese Amora; qualche pranzetto sul balcone di Aurelie; l’acquisto delle nostre due tazzine da caffè e di quattro tovagliette per la colazione; lo shock della scoperta degli ingredienti dello yogurt alla frutta…

wpid-20140502_153308.jpg

Colazione a due

wpid-20140503_084304.jpg

Vogliamo parlarne???

Il post iper critico all’alimentazione francese lo farò in un altro momento, ora vi mostro solo la mezza corsia immortalata stamattina al supermercato: mezza corsia di burro…e l’altra mezza di panna!!!!

wpid-20140512_101319.jpg

Colesterolo saltami addosso

Ritornerò, la Tante che è il me sta risorgendo, non disperate. Oggi ho trovato un supermercatino bio…un amore: comprata qualche spezia e lo shoyu jappo: stasera filettino di salmone allo shoyu, riso thai e insalatina di taccole.

E presto la prima recensione di un ristorante locale…

La Tante A. non demorde

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...